Gennaio 2015                                                                                                                                          

 

Ho aspettato per mesi la data di questo viaggio,finalmente il giorno fatidico è arrivato.

Ho preparato la valigia, ho buttato dentro tutto insieme: abiti, pensieri, momenti allegri, felici, tristi, dolori e speranze, ho chiuso veloce, sentivo che tra di loro si mischiavano, lottavano ma, ho fatto finta di non sentire.

Dentro di me non avevo aspettative, sentivo solo che dovevo partire. Tutta la mia vita fino a quel momento era un miscuglio disordinato senza né capo né coda, proprio come quella valigia.

Pensiamo che le persone speciali sono quelle che fanno qualcosa di straordinario, invece per me sono quelle che mettono avanti il cuore nonostante tutto.

Vi ringrazio per essere entrati così silenziosamente e amorevolmente nella mia vita, per aver aperto in me le porte del mio cuore, grazie dell'amore che avete seminato,perché è germogliato e ora io vivo sperando nel domani.

Vi ringrazio tutti, uno ad uno, perché mi avete regalato qualcosa, ognuno di voi mi ha reso più forte, con le vostre parole avete rasserenato il mio cuore. Mi chiedo ora come era la mia vita prima di questo viaggio, non so, forse non lo voglio ricordare, come è possibile che un mondo così pieno di persone, possa scomparire dopo tutto ciò. Ho conosciuto persone meravigliose, di animo nobile, persone rarissime, dal cuore grande che, aiutano in silenzio, non cercano fama né meriti, fanno tutto per puro amore; quell'amore che pochi conoscono e tanti osannano, troppe persone vivono di sola apparenza e quando ci stai vicino ti rendono insensibile a tutto e a tutti.

 

 

 

 

 

 

          9 Settembre 2014

 

Desidero condividere una mia piccola esperienza che, nella sua semplicità, offerta al Signore attraverso Maria, accompagnata dal Corpo Mistico, diventa occasione di trasformazione e di gloria.

Mi si è reso necessario un intervento d’asportazione dell’utero e ovaie a causa del prolasso genitale, operazione comune nelle donne e che alla mia età ( 58 anni ) non è invalidante trattandosi di organi che, come dicono alcuni medici, “oramai non servono ad altro che a fare il tumore”. Dal punto di vista psicologico e globale è un po’ diverso, se considero che è una parte del mio corpo che è sede fisica dell’amore, ha contribuito alla creazione e allo sviluppo della vita, ha accolto e dato alla luce tanti bambini. Allora ho compreso che questa poteva trasformarsi in un’occasione importante da vivere positivamente nell’offerta, in una piccola occasione mistica e sacerdotale.

 

 

 

 

 

Mi accingo a scrivere con trepidazione, conoscendo la mia fragilità e consapevole che tutto è Grazia che mi è stata donata, che mi accompagna, mi sostiene e senza di essa sarei nulla. Sento però anche l’esigenza di rendere testimonianza a ciò che lo Spirito Santo opera nella mia esistenza.

Dopo un cammino di conversione durato una quindicina di anni, prima attraverso l’incontro con la Parola e poi a Medjugorje con la riscoperta dell’Eucaristia, nel 1992 ho ricevuto netta la mia chiamata, leggendo in un libro le parole di padre Tomislav : “Volete offrire la vostra vita a Gesù, attraverso il cuore immacolato di Maria, Regina della Pace, perché si realizzi il progetto di Dio per la salvezza dell’umanità, in questo tempo?” A questa chiamata, che mi toccava nel profondo, ho risposto subito : “Sì, eccomi!”.

 

 

 

 

 

 

 

Cari Fratelli,

 

vi scrivo perché sento che è arrivato il momento in cui anche la mia anima deve rendere la sua testimonianza.Dopo anni di cammino spirituale, prima nelle fraternità, ora nei nuclei, sento il bisogno di dire e di annunciare, tutto ciò che in me sta cambiando, nell’amore di Dio.

Sin dai primi momenti, da quando ho iniziato ad avvicinarmi a questo cammino, ho capito che aveva qualcosa di diverso da tutti gli altri cammini spirituali. Man mano che passava il tempo lo sentivo sempre più mio. Questo contatto cosi ravvicinato con la nostra Madre Celeste mi ha sempre dato un senso di protezione e di benedizione, che non avevo mai provato. Ascoltare e condividere con Padre Tomislav, mi ha sempre fatto riflettere sul vero senso della vita. In questi anni di cammino, attraverso la cntinua offerta, sicuramente sono cambiato tantissimo su tante cose, ma solo oggi, grazie a questi nuovi tempi e a tutti gli Strumenti che Dio ci mette a disposizione, posso dire che la mia offerta era sicuramente molto superficiale. 

Esperienze

Fondazione Fortezza dell'Immacolata fortezza.immacolata@libero.it © 2016-2020